Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Roccolo del Sauch

da Masen alla Maderlina, fino al Lago Santo

Una visita al roccolo è d’obbligo. É un affascinante monumento vegetale che in passato veniva utilizzato per l’uccellaggione. Di proprietà privata ora è sede prestigiosa del centro di esperienza Rotta Sauch gestito da APPA del Trentino (Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente), in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento e il Servizio Foreste e fauna della PAT che organizza e gestisce una rete di guide in grado di illustrare le caratteristiche ambientali ed etnografiche del territorio circostante.
Da qui attraverso comode strade forestali si raggiunge il Lago Santo, un incantevole laghetto alpino a quota 1.200 m, da cui si può proseguire verso l’Alto Adige Südtirol, lungo il Sentiero E5 e il Dürerweg, o a quote più basse sul Dossone di Cembra percorrendo il sentiero botanico-naturalistico.
Tempo 5 ore a/r
Periodo: tutto l’anno, consigliato da aprile a ottobre

DA NON PERDERE
• Torre della Rosa, Ville di Giovo
• Passo della Croccola e Centro Esperienza “Rotta Sauch” – area privata con libero accesso. Informazioni: APPA tel. 0461 497771
• Chiesa di San Floriano, Valternigo di Giovo
• Chiesa di San Leonardo, Lisignago
• Chiese di San Pietro e Santa Maria Assunta e centro storico, Cembra
• Il presepio artistico di Antonio Nardon (Per visite guidate su prenotazione con guide locali volontarie: A.p.T. tel. 0461 683110)
• Lac de Montesel e il Mancabrot
• Dos Paion e il Monte Corona
• Piz delle Agole, punto panoramico e Maderlina
• Strada del Vino: panorami sui vigneti terrazzati, patrimonio rurale-storico d’Italia

Eventi in evidenza