Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Albiano

Paese con l’aspetto di un moderno e vivace centro produttivo

Albiano sorge su un terrazzo morenico inciso dal Rio dell’Ischion sulla sponda sinistra della Valle di Cembra.
Il recente sviluppo dell’industria ha apportato al suo territorio profondi e radicali mutamenti socio-economici, conferendo al paese l’aspetto di un moderno e vivace centro produttivo. La fonte principale del reddito di Albiano deriva dall’industria porfirica. Il porfido estratto e lavorato nelle innumerevoli cave a cielo aperto viene spedito in paesi e città di tutto il mondo, dove abili posatori, spesso provenienti dalla Valle di Cembra, creano pregiate opere di arredo urbano. Questa industria, ed il suo indotto, sono diventati uno dei pilastri dell’economia trentina.

Approfondimento
La struttura dell'abitato di Albiano si è espansa su tutto il terrazzo morenico. Il ritrovamento sul luogo di alcuni oggetti preistorici attesta che la località era abitata già dalla prima età del ferro. Successivamente romanizzato, il paese si trovava su una strada di discreto passaggio. Durante il medioevo la comunità di Albiano fu raccolta attorno ad un ospizio dei monaci Cistercensi.
Il Centro successivamente incluso nella Magnifica Comunità di Piné, vi si distaccò nel 1599 acquistando piena autonomia e reggendosi con propri capitoli concessi dai Consoli della città di Trento. Nel 1928 al Comune venne aggregato quello di Lona-Lases il quale riottenne l'indipendenza nel 1952. Nel 1938 un furioso incendio distrusse una parte dell'abitato. Monumenti artistici: nel centro del paese si ammira l'antica chiesa di S. Biagio citata già in un documento del 1149. E' un bell'esempio di architettura tardogotica trentina con finestroni trilobati e portale ogivale. Il porticato è rinascimentale e il campanile di struttura romanica. Al suo interno conserva resti di affreschi e un calvario ligneo del XVIII secolo. La nuova chiesa parrocchiale, sempre dedicata a S. Biagio, fu consacrata nel 1935. All'inizio del paese si trova la solitaria chiesetta di S. Antonio del XVII secolo. Conserva quadri e affreschi dedicati al Santo per grazie ricevute.

Eventi in evidenza