ROCCOLO DEL SAUCH

Home > Il Territorio > Roccolo del Sauch

Roccolo del Sauch Cembra TrentinoRoccolo del Sauch Cembra Trentino

Il Roccolo del Sauch, posto all’interno del comune di Giovo, in Valle di Cembra, è un sistema antichissimo per la cattura degli uccelli. Si tratta di una costruzione vegetale di alberi di faggio ed abete opportunamente intrecciati e potati, così da creare una galleria praticabile con al centro uno spiazzo erboso. Dopo che un gran numero di volatili si era posato nello spazio posto al centro della galleria, dal casotto veniva agitato lo spauracchio preceduto dal fischio dell’uccellatore. La fuga in senso orizzontale portava gli uccelli dritti verso una rete pressoché invisibile tesa tra le arcate della galleria.

Dal 1968 questo strumento di caccia è proibito ed il luogo è diventato, dal 1993, osservatorio e centro didattico ambientale. L’APPA del Trentino (Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente), in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento e il Servizio Foreste e fauna della PAT, organizza e gestisce una rete di guide in grado di illustrare le caratteristiche ambientali ed etnografiche del territorio circostante.

Come funziona il roccolo

Il roccolo è formato da tre parti fondamentali:

  • il casello: postazione o torretta dell’uccellatore situata nella parte più alta del roccolo completamente nascosta dalla vegetazione
  • il tondo: piccolo prato rivolto verso valle su cui si trovano piante potate in forme rotondeggianti da cui spuntano i secchi, rami privi di foglie
  • colonnato con pergola: circonda il roccolo ed è formato da piante (abeti e faggi) potate in modo caratteristico tra cui sono nascoste le reti di cattura; è rotondo o a ferro di cavallo

 

Tempi di percorrenza a piedi: da Faedo Pineta (1,30 h) – dalla Strada per il Lago Santo (1 h circa)
Quota alt.: 935 m
Dislivello: 200 m

trova in mappa